Kayıtlar

Mayıs, 2014 tarihine ait yayınlar gösteriliyor

#06 HAPPY PILLS: di voi che siete stati vita

Resim
A questa Happy Pill tengo particolarmente, perchè ha toccato alcune mie corde che tenevo ferme e non facevo vibrare. E' una bella storia, ma Fabiana, una donna poliabortiva con due bimbi in terra e tre in cielo, ha fatto una cosa che io non ho mai fatto veramente. Ha dato dei nomi ai suoi bimbi in cielo . Questo fatto mi ha colpito.  Ho ripensato ai miei bambini-cometa, al loro vibrare nel mio cuore.  Anche io ho sempre pensato a loro specificatamente come ad un maschio o ad una femmina, e anche io ho dato loro dei nomignoli. Ho fatto dei gesti per loro, ho piantato degli alberi, li ho associati a dei fiori.  Nel mio giardino vivono ora un giglio bianco (che fiorisce i primi di giugno, quando è andato via il mio primo bambino), un mirto, acquistato dalla mia mamma per il mio secondo, un salice, di lui ho parlato tanto, che ora campeggia al centro del giardino, con su ancora il cuore di plastica legato lì per il mio terzo, e un angolo del gazebo di rose rosa pallido, che ogni maggio

Il coraggio di scegliere

Sono giorni in cui alcune questioni mi ronzano intorno. Io le caccio e poi i pensieri tornano, poi se ne vanno, poi torno io. Fermo i fatti, scriverò cose impopolari, ma tant'è. Alcune persone a me molto vicine, non riuscendo a concepire, sono state da me indirizzate al mio dottore. Trovato il problema di natura meccanica, si è deciso per un ciclo di pma. Ok, tutto bene sin qua. Difficile per me riviversi da vicino tutto l'iter, ma mi fa piacere sapere di essere stata di aiuto al concepimento di una nuova vita. Queste persone da subito, dichiarano di non voler sapere nulla di come si svolgeranno le cose, per non agitarsi, per non entrare in ansia. Pace. Scelta loro. Poi una settimana fa circa, tre giorni prima del pick up, ci ritroviamo a cena insieme e ad un certo punto spuntano le domande. Ci chiedono cosa è un transfer e cosa succederà (a tre giorni dal pick up, ripeto). Noi due ci guardiamo sorpresi, ingoiamo aria, poi sospiriamo, poi decidiamo di spiegare. La seconda doman

Ripercorrendo le tappe

Preferirei non raccontare più. Mi annoio a leggermi alla fine. Mi sembra di fare tanti ragionamenti senza arrivare ad una soluzione. Eppure non va male, mi sento bene. Chi non va bene ora è lui, ma prima o poi doveva accadere. E allora mi chiedo se sto facendo abbastanza per aiutarlo a superare questo momento, perchè io di pazienza ne ho davvero poca, lo so, e poi mi dico e so, che alcune fasi vanno superate da soli, anche se siamo l'uno per l'altra, e che il dolore e l'ansia, vanno vissuti per poi rinascere, e non si scappa da questo. Prima o poi doveva accadere. Però ti racconto figlio, perchè un giorno tu possa leggermi, qui o sul diario trovato in fondo al baule in soffitta, e quando mi scoprirai, leggendomi alla luce di una candela o al bagliore di un tablet, capirai da dove arrivi, quanto lunga è stata la tua strada, quanto antica la tua esistenza, quanto pesante il tuo cuore e quanto amore ti ha portato qui da noi. E allora capirai tante cose e ti sembrerà più sempli

I vostri figli

Io non invidio le altrui pance. Che sia messo agli atti una volta per tutte. Non mi sono affatto indifferenti, questo lo ammetto. Le scovo a distanza di metri, le trovo agli angoli dei miei occhi, mentre passeggio e sto facendo tutt'altro. Dietro il bancone delle commesse con le camicie sblusate, mentre le signore si stirano per arrivare allo scaffale e afferrare il detersivo scelto, in un profilo nascosto da un maglione abbondante, tra i fianchi insolitamente più larghi di un'esile figura femminile che mi cammina davanti. Ma se la mia storia mi ha insegnato qualcosa, una di queste è che ogni gravidanza può raccontare un'altra storia, felice e non, e che ogni storia può essere difficile, oppure no, e che l'invidia della pancia, quella no, non la provo. Critico la spavalderia, l'inconsapevolezza, l'arroganza di chi porta una pancia puntata in avanti come un'arma pronta a sparare. Di questo me ne assumo responsabilità e critiche, spesso riversatemi addosso, pe