Kayıtlar

Mayıs, 2015 tarihine ait yayınlar gösteriliyor

Storia di un trio

Resim
Questa è la storia di un trio che, tra tante difficoltà, scivolò attraverso un tubicino dentro una cavità morbida e buia, ma che sapeva di casa. Il trio si teneva stretto stretto e creava una luce, una piccola lucina nel buio di quella cavità. Il trio era composto da tre principi di vita, fatti di poche cellule, o tante, a seconda di chi guardava loro se attraverso un microscopio o se attraverso un paio di occhiali comuni. Si tenevano insieme per forza di gravità e sin lì, tutto sommato, le cose erano andate bene, senza tanti sforzi fisici degni di nota da parte loro, finchè, mentre galleggiavano beati in una sorta di miscuglio gelatinoso e trasparente, non sentirono una voce: "sei pronta?"  poi due voci  : "si. Vai." Poi la luce. Poi una forza che li attirava verso l'alto, e poi attraverso un tunnel trasparente, veloci, verso quella luce. Di nuovo nessuna luce. Prima di arrivare capiscono che il luogo dove arriveranno è buio, ma non fa paura. Si accendono le lu

Cinque (5)

Resim
"Voi siete nati insieme e insieme starete per sempre. Insieme quando le bianche ali del tempo sperderanno i vostri giorni. Insieme nella silenziosa memoria di Dio. Ma vi sia spazio nella vostra unità e tra voi danzino i venti dei cieli." ( P. Neruda)  Cinque (5), combattete. Ancora da soli. Poi ci penso io . Combattete ancora. Poi saremo di nuovo insieme.

Fare spazio.

Eppure, nonostante le meditazioni per ripulire il karma, le preghiere, le speranze, la maturità incessante, il disperato bisogno di combattere contro il vento per raggiungere la méta, le situazioni sembrano ripetersi ed io mi ritrovo oggi davanti ad una nuova porta da aprire, busso, sto per entrare. Cosa c'è dopo. Ancora non lo so. So cosa mi aspetta. Forse perchè vivo talmente intensamente tutto, che i ricordi mi rimangono appiccicati e non se ne vanno. Vivo in uno stato di inconscienza e vago senza capire davvero cosa sta per accadere, perchè tutto è arrivato di corsa, mentre io correvo, mentre il mondo continuava a vivere, ed io imperterrita riempivo le mie tasche di speranza, ancora e ancora. - Eppure mio figlio non c'è -  Sono qui, tremante, il fianco destro comincia a far male, ho il terrore che la situazione peggiorerà con il passare delle ore, ma stavolta c'è anche il sinistro, lento, silenzioso, ma ancora in forza. 8+3 sono i numeri che mi gioco. 8 signorini a dest

Solo per oggi.

Io oggi ho il forte bisogno di andare in un luogo o qualcosa su cui pregare, chinarmi e ricordare e lasciarmi andare. Ho bisogno di un luogo fisico dove poter andare, dove ringraziare, un simbolo, una foto, un piano freddo da toccare. Ho bisogno di ricollegarmi solo oggi, solo  per un istante, un attimo, a ciò che è stato e poteva essere. Poi ritorno a guardare avanti e a vivere. Ma oggi no. E non posso. E penso a quanto è importante avere una tomba su cui piangere i propri figli per quelle madri che li hanno persi troppo presto. E io non posso. 14 maggio 2012 Quinto aborto per gravidanza extrauterina. Salpingectomia sinistra.

Gobinde Mukande

Ieri sera ho imparato un nuovo mantra e una nuova meditazione. La inizierò con la nuova stimolazione che partirà e, visto che dovrà durare i soliti 40 giorni, sarà perfetta per tutto il nuovo percorso. Non sono spaventata, non ho paura, lo dico sul serio. Sono stanca, perchè il lavoro mi impegna e i prelievi e le flebo sono tanti, compreso gestire le incompetenze altrui e il disordine e la poca professionalità delle persone. Ma questo, si sa, fa parte del gioco PMA. Comunque, il punto non è questo. Il punto è riuscire a gestire la mia rabbia verso gli altri. Mi guardo da fuori e sono brutta. Continuo ad aspettarmi chissà cosa e rimango male, mi sento triste. Avrei tante cose da dire e non ne ho voglia, mi annoio ad ascoltarmi. Quindi inizierò questa nuova meditazione: GOBINDE MUKANDE Questa meditazione pulisce il proprio karma, aiuta ad eliminare i propri blocchi, ed io ho molti blocchi evidentemente, che mi tengono inchiodata al passato. Giorni fa leggevo un post di una blogger che h